Making better AVIs
 
Il nostro obiettivo quindi è creare file AVI di dimensioni inferiori con FlashBack. In questo articolo, proveremo a fornire una panoramica sui fattori principali che determinano le dimensioni e la qualità dei file:
  • La frequenza fotogrammi del filmato.
  • Se possiede suoni e come questi sono compressi.
  • Il contenuto del filmato: cosa è stato registrato.
  • Il codec utilizzato per comprimere il filmato.
È abbastanza facile capire in che modo frequenza fotogrammi, suoni e contenuti del filmato influiscano sulla dimensione del file, quindi per primi affronteremo questi argomenti. Inquadrare il codec migliore da utilizzare può essere abbastanza complicato,
 
Frequenza fotogrammi
La "frequenza fotogrammi" rappresenta il numero di fotogrammi al secondo visualizzati dal filmato. Frequenze fotogrammi maggiori indicano un movimento più uniforme durante la riproduzione, ma tutti questi fotogrammi devono essere memorizzati in un file AV

FlashBack consente di impostare la frequenza fotogrammi dalla scheda "Video" della finestra Opzioni esportazione AVI.

Quindi frequenze fotogrammi maggiori = movimenti più uniformi, ma file AVI più grandi.

La frequenza fotogrammi predefinita di FlashBack è 25 fotogrammi al secondo. 25 FPS è una soluzione ottimale: simile a quella della televisione o del cinema; quindi se è necessario prestare maggiore attenzione alla dimensione del file piuttosto che al movimento uniforme, basta ridurre la frequenza fotogrammi per creare un file AVI più piccolo e ottenere comunque una riproduzione di buona qualità.
 
Suono
Se il filmato è stato registrato con i suoni, anche questi suoni devono essere memorizzati nell'AVI e se il filmato dura qualche minuto, questi minuti aggiuntivi aggiungono megabyte allo stesso filmato senza suoni. In tutti questi casi, una qualità del suono maggiore implica file di dimensioni maggiori. FlashBack consente di impostare la qualità dei suoni sulla scheda Suono della finestra Opzioni esportazione AVI.


Esistono due serie di comandi che controllano la qualità del suono e quindi la dimensione del file AVI: i comandi Formato e Compressione.

L'impostazione Formato è abbastanza auto-esplicativa: selezionare una qualità inferiore per file più piccoli.

Di norma è bene tenere la casella "Usa compressione MP3" selezionata; in caso contrario, l'esportazione AVI potrebbe aumentare vertiginosamente se contiene audio. Sono disponibili alcune impostazioni per la qualità di compressione. Come al solito, qualità maggiore comporta file più grandi.

Se la qualità dell'audio non è poi così importante, provare le impostazioni di qualità inferiori per formato e compressione: in questo modo il problema dovrebbe risolversi. Se al contrario è importante, provare a riprodurre con queste impostazioni per trovare la giusta via di mezzo tra qualità e dimensione del file.
 
Ricordare che quello che si registra ha molta più importanza della durata di registrazione...
Ecco un concetto che le persone faticano a capire: quando l'importante è la dimensione del file, quello che si registra spesso è molto più importante della durata della registrazione. Ecco perché i file AVI memorizzano solo le modifiche visu

Supponiamo che si registri lo schermo per un'ora, ma si lasci il PC inattivo durante questo periodo con tutte le finestre nascoste. Niente cambia sullo schermo (se è stato disattivato il salvaschermo). Qualsiasi file AVI esportato da tale registrazione, d

Al contrario, se si esporta una registrazione di una schermata con un video riprodotto, un gioco o alcune animazioni (su una pagina Web ad esempio), si otterranno diversi megabyte di file anche se il filmato dura solo 30 secondi. Questo perché video e animazioni implicano diversi cambiamenti sullo schermo, in rapida sequenza. Tutte queste modifiche devono essere memorizzate in un file AVI e questo comporta file più grandi.

Continuare a leggere: se si conoscono bene i codec, sarà più facile ridurre i file AVI a dimensioni inferiori. 
 
 
Informazioni sui codec
Quando si esporta un AVI da FlashBack, è necessario scegliere un codec. Di seguito un promemoria dell'aspetto della finestra di selezione del codec:



Un codec è un piccolo programma sul PC che comprime e decomprime un filmato. Comprime il filmato in modo che possa essere rimpicciolito (si spera) in un file AVI di dimensioni ragionevoli. Inoltre, decomprime il filmato del file AVI per la visualizzazione sul lettore. Per queste operazioni servono i codec, dato che i file dei filmati diventano "enormi" se i fotogrammi vengono memorizzati senza compressione.

Codec diversi comprimono in modi diversi il filmato, quindi l'esportazione dello stesso filmato FlashBack con codec diversi genera file AVI di  diverse dimensioni e qualità.
 
Scelta di un codec
Esistono diversi codec sul Web scaricabili gratuitamente. Quindi basta cercare un codec, trovarne uno che crea ottimi filmati, esportare i file FlashBack con quel codec e mettere i filmati AVI su un sito Web in modo che tutti li vedano. Esiste un buon motivo per cui: spesso è necessario avere lo stesso codec installato per riprodurre il filmato su Windows Media Player. Media Player deve capire in che modo è stato compresso il filmato, in modo da decomprimerlo e riprodurlo adeguatamente. Se si scarica il file AVI senza aver installato il codec utilizzato per codificarlo, probabilmente Windows Media Player non sarà in grado di riprodurlo.

Ovviamente, è un problema per le persone scaricare e installare il codec prima di vedere il filmato. Un'alternativa è utilizzare un codec predefinito di Windows. Si tratta di codec installati pressoché sulla maggior parte di PC Windows, quindi ogni AVI esportato utilizzando tali codec è molto probabile che venga riprodotto correttamente su gran parte dei PC. Ecco alcuni dei codec predefiniti:
  • Microsoft Video 1
  • Cinepak
  • Indeo v3, 4, 5
  • Fotogrammi completi (non compressi)
Non sono i migliori codec in circolazione, ma funzionano sempre. L'unica eccezione è "Fotogrammi completi (non compressi)": selezionare questa opzione solo quando è necessario modificare l'AVI su altre piattaforme di modifica, perché crea file "enormi".

Dei codec elencati, abbiamo riscontrato che Microsoft Video 1 spesso offre la giusta via di mezzo tra dimensioni del file e qualità per le registrazioni dello schermo.

Codec terze parti non predefiniti offrono spesso risultati di gran lunga migliori. Di quelli che abbiamo provato, il migliore è risultato Xvid (è possibile scaricarlo gratuitamente da www.divxmovies.com), ma qualora si decidesse di utilizzarlo, ricordare l'avvertimento precedente: alcune persone non riusciranno a riprodurre AVI codificati con l'Xvid su lettori di filmati standard.
 
Ulteriori informazioni sulla riproduzione di AVI codificati con codec terze parti
Nel caso ci fossero ancora dubbi: non tutti i lettori video sono (intenzionalmente) stupidi come Windows Media Player. Alcuni lettori di filmati, come VLC Player ad esempio, integrano un meccanismo di "apprendimento" di diversi codec, in modo da riuscire a riprodurre filmati codificati senza dover installare il codec stesso. Nonostante ciò, il lettore di filmati predefinito per molti è e sarà Windows Media Player, quindi per permettere agli utenti comuni di riprodurre i filmati AVI prodotti con BB FlashBack, è meglio lavorare strettamente con i codec predefiniti elencati sopra.
 
Un'altra opzione per creare ottimi filmati di dimensioni ridotte: WMV
Se è necessario che i filmati AVI creati vengano riprodotti sul massimo numero di PC e i codec predefiniti di Windows non sono il massimo in termini di dimensioni del file e qualità, l'opzione migliore potrebbe essere l'esportazione in formato Windows Media Video (file .wmv). FlashBack (non la versione Express) è in grado di effettuare questo tipo di esportazione, a patto che sia installato sul computer in uso Windows Media Player 9 o versioni successive.

Esistono diversi tipi di WMV da provare. I due principali sono Windows Media Video 9 e Windows Media Video 9 Screen. Il codec "9" complessivamente offre ottimi risultati, in particolare con video e animazioni in movimento. Il codec "screen" offre risultati incredibilmente positivi se il filmato contiene solo applicazioni "normali" quali MS Word, Outlook, ecc., ma funziona davvero male per la riproduzione di immagini di tipo fotografico o con sottili ombreggiature di colore.

Fin qui tutto bene, ma è meglio avvertire che: sebbene i file WMV possano essere riprodotti su gran parte dei PC, quelli con una versione precedente di Windows Media Player potrebbero avere alcuni problemi. Nella guida di FlashBack è disponibile un riepilogo di come le diverse versioni di Media Player si comportano con i vari tipi di WMV: vedere l'argomento "Compatibilità del codec WMV".
 
Consigli finali sui codec e sulle esportazioni in AVI
Molto dipende da quello che viene registrato e per quanto ci impegniamo, non si può dire con certezza "questo è il migliore codec da usare". Se è richiesta la massima qualità con filmati AVI di dimensioni ridotte, è necessario provare a esportare con diversi codec e sperimentare le impostazioni, valutandone i risultati. Se possibile, è consigliabile provare gli AVI su un PC diverso da quello su cui è stato esportato: spesso in questo modo si trovano i problemi di codifica.

Ci auguriamo che la descrizione degli elementi che influenzano le dimensioni e la qualità dei file AVI sia stata esaustiva, così come i fattori per scegliere un codec e i consigli per la scelta. Ora tocca a voi!